La tata e il bambino di 5 anni con la sindrome di Down condividono un rito quotidiano incoraggiante

Quando Sarah Nordin di West Fargo, North Dakota,

ha ricevuto un video del suo bambino di cinque anni, Cohen, che recitava affermazioni quotidiane con la sua tata, Eva Abfalter, la toccante scena ha suscitato profonde emozioni.

La tata e il bambino di 5 anni con la sindrome di Down condividono un rito quotidiano incoraggiante

“Non sapevo nemmeno che lo facevano ogni giorno”, ha confessato Nordin.

La routine era stata una pratica discreta tra la tata e il ragazzo per quasi un anno prima che Cohen salisse sul suo autobus scolastico.

Il rituale edificante è iniziato quando Abfalter, una studentessa di patologia del linguaggio alla Minnesota State University Moorhead, ha tratto ispirazione da un video su TikTok.

Assistere a Cohen, che ha la sindrome di Down, recitare queste affermazioni, nonostante le sfide nel linguaggio che spesso accompagnano la condizione, è stata un’esperienza ispiratrice e commovente.

“Inizialmente, le affermazioni erano a malapena comprensibili quando ha iniziato”, ricorda Abfalter. Oggi, Cohen proclama con orgoglio:

“Sono intelligente, sono bello, avrò una buona giornata, sono importante”, con appena alcun bisogno di incoraggiamento.

La tata e il bambino di 5 anni con la sindrome di Down condividono un rito quotidiano incoraggiante

“Ora può dirle praticamente tutte da solo. A volte lo incoraggio con il primo suono, ma è tutto”, sottolinea una orgogliosa Abfalter.

Queste parole semplici ma potenti hanno aiutato Cohen a vedersi in una luce nuova e positiva.

“Penso che possa davvero cambiare il modo in cui un bambino si vede”, afferma Abfalter, con la speranza che Cohen possa trarre forza e fiducia da queste affermazioni, specialmente nelle giornate difficili.

La tata e il bambino di 5 anni con la sindrome di Down condividono un rito quotidiano incoraggiante

Vedere Cohen portare questo strumento di affermazione a scuola ogni giorno è una visione gratificante per la tata dedicata.

Abfalter trasuda orgoglio per il progresso nel linguaggio di Cohen, ma modestamente devia il merito per il successo.

“Mi piacerebbe prendere il merito, ma è lui e la sua famiglia che fanno il lavoro ogni giorno. È il bambino più laborioso che conosco”, aggiunge umilmente.

L’amore di Cohen per la sua incoraggiante tata è reciproco. Nordin afferma: “Lei crede in lui tanto quanto facciamo noi”.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

La tata e il bambino di 5 anni con la sindrome di Down condividono un rito quotidiano incoraggiante
Piccola leonessa ruggisce: adorabile tentativo di costume di leone della bambina