Ogni volta che lei pubblica foto del suo bambino online, la gente le supplica di smettere

Ogni persona è bella a modo suo. Alcune persone sono un po’ diverse dagli altri, ma queste differenze sono ciò che le rende speciali e uniche.

Infatti, sono le differenze che rendono questo mondo un luogo colorato. Purtroppo, il numero di persone che si arrogano il diritto di giudicare gli altri in base al loro aspetto è enorme.

Le parole cattive, gli sguardi e i giudizi saranno sempre presenti. Quello che dobbiamo fare è imparare a ignorare i commenti cattivi e cercare sempre il lato positivo della vita.

Ogni volta che lei pubblica foto del suo bambino online, la gente le supplica di smettere

Natasha è una madre di due figli.

Suo figlio Raedyn di un anno è nato con una condizione nota come sindrome di Pfeiffer,

una patologia genetica caratterizzata dalla fusione prematura di alcune ossa del cranio che impedisce al cranio di crescere normalmente e influisce sulla forma della testa e del viso.

Come ogni madre, Natasha ama pubblicare foto dei suoi figli sui social media. Purtroppo, molti commentano in modo cattivo su Raedyn, con frasi come “Cosa c’è che non va con tuo figlio?” e “Perché tuo figlio sembra così?”.

Ogni volta che lei pubblica foto del suo bambino online, la gente le supplica di smettere

Molti le dicono perfino di smettere di pubblicare video su TikTok, giudicando la sua genitorialità.

Natasha, tuttavia, afferma che suo figlio è proprio come ogni altro bambino e non si vergogna di mostrarlo al mondo.

“Non smetterò… solo perché sembra diverso non significa che sia meno – è perfetto”, dice.

Alcuni su TikTok hanno scritto anche: “Quale qualità di vita avrà?” e “Perché lo fai vivere così? Gli stai permettendo di vivere una vita così miserabile”.

Purtroppo, questo non accade solo sui social media ma anche nella vita reale. Molti si avvicinano a Natasha e le chiedono di Raedyn.

“La gente mi si avvicina e mi chiede in modo scortese: ‘cosa c’è che non va con tuo figlio? O perché tuo figlio sembra così?’ …non è così che si parla a un essere umano”.

“È estenuante spiegare i problemi di salute di mio figlio più e più volte”, ha condiviso, aggiungendo: “Vive una vita come ogni altro bambino… sembra diverso? Assolutamente sì – ma questo non lo rende meno”.

Questa madre fa tutto ciò che è in suo potere per offrire a Raedyn la migliore vita possibile e proteggerlo dagli sguardi e dai giudizi che riceve.

Ogni volta che lei pubblica foto del suo bambino online, la gente le supplica di smettere

“Mio figlio merita la vita, merita accettazione – lotterò fino al mio ultimo giorno per questo”.

Inoltre, Natasha dice: “Ciò che la gente deve capire è che sono solo una mamma e mio figlio è solo un bambino… la nostra vita non ruota attorno alla sua diagnosi.

Siamo solo una famiglia normale. Prego affinché un giorno il mondo accetti le persone disabili e non le giudichi in base all’aspetto e alle cose che non possono fare”.

Ogni volta che lei pubblica foto del suo bambino online, la gente le supplica di smettere

Sentire storie di vita come quella di Natasha e Raedyn ci fa riflettere sulle difficoltà che queste persone affrontano ogni giorno.

Speriamo sinceramente che le persone imparino ad accettare le differenze e che le nostre società diventino più inclusive in futuro.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Ogni volta che lei pubblica foto del suo bambino online, la gente le supplica di smettere
Il padre ha trasformato sua figlia in una reginetta del ballo di fine anno, cucendole un sontuoso vestito da ballo