La gente ha chiesto alla mamma perché avesse tenuto suo figlio, e la sua risposta ci insegna una lezione

Lacey Buchanan si è trovata di fronte a una domanda che coglie alla sprovvista la maggior parte delle madri.

Dopo aver scoperto le disabilità di suo figlio, molte persone hanno manifestato curiosità e hanno messo direttamente in discussione Lacey sulla sua scelta di tenerlo invece di optare per l’aborto.

Lacey ha una risposta per ciascuna di queste domande. Lacey ha mantenuto una forte fiducia e non ha esitato a esprimere la sua opinione.

La gente ha chiesto alla mamma perché avesse tenuto suo figlio, e la sua risposta ci insegna una lezione

Si sente così fortemente della vita di suo figlio che ha aperto un blog per onorarne la vita.

Inizia il suo blog condividendo il momento che ha cambiato la vita quando suo figlio Christian Taylor Buchanan è nato il 18 febbraio del 2011.

È venuto al mondo con una palatoschisi e labbro bilaterale e ha affrontato la sfida di essere completamente cieco.

Attraverso questo blog, racconta la storia della sua vita, i momenti di felicità che vivono, gli ostacoli che affrontano e il viaggio incredibile e a volte difficile che si prospetta per la loro famiglia.

La gente ha chiesto alla mamma perché avesse tenuto suo figlio, e la sua risposta ci insegna una lezione

Segue una citazione, “Avrebbe dovuto essere abortito.”

Adulti, compresi alcuni che possono avere figli propri, hanno contattato Lacey Buchanan tramite i social media con una particolare idea in mente.

È una suggestione disturbante che alcuni credono che i bambini nati con disabilità sarebbero meglio non vivi,

poiché percepiscono la disabilità come una forma di sofferenza e un peso per la società, sia finanziariamente che in altro modo.

Questo faceva parte dell’argomento, e alcune persone pensavano che i genitori che sceglievano di tenere i loro figli disabili fossero “egoisti”.

Come un genitore poteva portare nel mondo un tale peso solo per far soffrire altre persone? Questa è la convinzione di queste persone.

Inizialmente, Lacey è rimasta colpita da questo tipo di discussione, ma è stata veramente un dibattito intenso. La mamma condivide la sua risposta a chi suggerisce l’aborto.

In risposta alla prospettiva dei genitori egoisti, ha espresso ammirazione per i genitori di bambini con bisogni speciali, descrivendoli come individui incredibilmente altruisti.

Lacey Buchanan spiega come la sua dedizione al benessere di suo figlio abbia avuto un impatto sulla sua salute. Ha sacrificato innumerevoli ore di sonno e saltato numerosi pasti.

Negli ultimi sei anni, ha portato Christian a vari appuntamenti, medici, specialisti, terapie e persino a una scuola per bambini non vedenti.

Ciò ha comportato una media di 3000 miglia al mese e una spesa mensile significativa di circa 300 dollari in benzina.

Lacey ha messo altruisticamente da parte i suoi desideri per garantire che Christian riceva le cure, il supporto e le opportunità necessarie che merita.

La gente ha chiesto alla mamma perché avesse tenuto suo figlio, e la sua risposta ci insegna una lezione

Lacey Buchanan condivide il suo percorso di superamento delle avversità.

Lacey sottolinea che le sue parole non sono destinate a vantarsi, ma piuttosto a mostrare la dedizione incrollabile dei genitori come lei.

Fanno sacrifici nel matrimonio, nelle amicizie e nel lavoro, per dare la priorità alle esigenze del loro bambino.

Nella sua risposta, mette in discussione l’idea dei genitori “egoisti” e esprime ulteriormente la sua disapprovazione della

convinzione che gli individui disabili vedano le loro disabilità come un tale peso così grande da preferire la morte piuttosto che viverci.

Consiglia di intraprendere una conversazione con un individuo disabile per ottenere un’idea. È una richiesta equa.

Poi invita i lettori a considerare le persone che conoscono che potrebbero affrontare disabilità. L’aspetto cruciale qui non è la presenza di una disabilità, ma piuttosto l’esperienza della sofferenza.

Non tutti i disturbi causano dolore o disagio quotidiano. A volte le persone affrontano semplicemente determinati inconvenienti.

Lacey continua spiegando che la sofferenza non dovrebbe essere equiparata a una disabilità, poiché molte persone sperimentano la sofferenza, anche se solo temporaneamente.

La gente ha chiesto alla mamma perché avesse tenuto suo figlio, e la sua risposta ci insegna una lezione

“La sofferenza non è limitata a coloro nella comunità disabile. Anche le persone senza disabilità vivono situazioni difficili.

Gli individui con deficit visivi non sono definiti dal loro handicap; stanno abbracciando la vita con esso. Può essere difficile navigare in un mondo progettato per individui vedenti quando non si può vedere.”

È evidente che Lacey non è affatto d’accordo con gli stereotipi negativi sugli individui disabili, soprattutto per quanto riguarda coloro che sostengono l’aborto in questi casi.

“Nella nostra società, le persone con disabilità sono spesso etichettate ingiustamente come ‘meno di’, trattate come indegne, disuguali, poco attraenti, impacciate e non meritevoli.

È deprimente che siano giudicate per qualcosa che non hanno scelto e su cui non hanno alcun controllo.”

Lacey Buchanan invita a concentrarsi sui “posso” piuttosto che sui “non posso” Lacey conclude i suoi post con un messaggio forte e positivo.

Suo figlio Christian non può svolgere diverse attività. Come menziona, non sarà mai in grado di intraprendere una carriera come chirurgo.

Tuttavia, ha una moltitudine di opzioni disponibili, come intraprendere una carriera nel campo del diritto, anche se è ipovedente.

La gente ha chiesto alla mamma perché avesse tenuto suo figlio, e la sua risposta ci insegna una lezione

Non ha alcun desiderio di essere il tipo di madre che limita costantemente le attività di suo figlio.

Dalle sue parole è chiaro che sta cercando un equilibrio tra realismo ed evitare il pessimismo quando parla con suo figlio.

Comprende che suo figlio svilupperà una mentalità che enfatizza le sue abilità piuttosto che fissarsi sulle sue limitazioni.

Il dibattito online solleva una domanda stimolante, specialmente nel contesto della discussione tra pro-life e pro-choice.

Chi ha il diritto di determinare chi è considerato un peso per la società? Forse possiamo considerare l’approccio alla vita umana da una prospettiva più vicina agli insegnamenti di Cristo.

È vero che Dio ci valorizza, indipendentemente dai nostri punti di forza e debolezze? Indipendentemente dalle abilità di ciascuno, tutti meritano opportunità uguali. Secondo le Scritture.

“E Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò.” (Genesi 1:27)

 

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

La gente ha chiesto alla mamma perché avesse tenuto suo figlio, e la sua risposta ci insegna una lezione
Questa donna ha lottato per sei anni per adottare un ragazzo che ha conosciuto in un orfanotrofio