Un “uomo albero” si sottopone a 16 interventi chirurgici per poter abbracciare di nuovo sua figlia

Abul Bajandar, chiamato “L’Uomo Albero”, soffre di una condizione eccezionale e rara.

Ha affrontato molteplici interventi chirurgici, superando immense difficoltà lungo il suo percorso.

Oggi, con determinazione ferma e l’esperienza degli esperti medici, ha vissuto un momento significativo ma significativo: può nuovamente tenere sua figlia tra le braccia.

Un "uomo albero" si sottopone a 16 interventi chirurgici per poter abbracciare di nuovo sua figlia

Sindrome dell’Uomo Albero

Sebbene non sia contagiosa, questa condizione ereditaria non ha una cura permanente, e le chirurgie forniscono solo un sollievo temporaneo.

Abul non è l’unico ad affrontare queste sfide; anche altre persone in tutto il mondo convivono con questa sindrome.

La sindrome provoca crescita cutanea simile a verruche che assomiglia alla corteccia degli alberi.

Inizialmente piccole, queste crescite possono crescere notevolmente, causando una disabilità significativa per chi ne è affetto.

Ha questa condizione fin da giovane. Iniziata durante l’adolescenza quando piccole verruche sono emerse sul suo corpo all’età di 13 o 14 anni.

Sfortunatamente, crescendo, la condizione è peggiorata rapidamente, diffondendosi in varie parti del suo corpo. Abul ha sperimentato vari rimedi tradizionali, ma nessuno ha fornito sollievo.

Ha cercato aiuto da diversi medici alla ricerca di una cura, ma purtroppo non hanno potuto offrire una soluzione. “Ero umiliato e incapace di mischiarmi con la società”, ha condiviso.

Un "uomo albero" si sottopone a 16 interventi chirurgici per poter abbracciare di nuovo sua figlia

Dopo molte chirurgie, è finalmente riuscito a tenere di nuovo sua figlia.

A seguito di una sequenza di 16 interventi chirurgici eseguiti dal 2016 al 2017 presso il Dhaka Medical College Hospital a Dhaka,

Bangladesh, Abul Bajandar ha raggiunto un traguardo commovente: poteva finalmente abbracciare di nuovo sua figlia.

Questi interventi chirurgici miravano alla rimozione delle crescite simili a corteccia dalle mani e dai piedi, offrendo un raggio di speranza nella sua lotta contro la sindrome dell’uomo albero.

Un "uomo albero" si sottopone a 16 interventi chirurgici per poter abbracciare di nuovo sua figlia

Bajandar ha espresso la profonda felicità che prova trascorrendo del tempo con le sue figlie,

sottolineando il desiderio di vivere normalmente: “Se mi riprendo da questa situazione, voglio lavorare di nuovo, costruire una piccola attività per aiutare mia figlia nei suoi studi e darle una vita migliore”.

Le sue parole mostrano la sua determinazione nel superare gli ostacoli della sua rara condizione e il suo forte impegno per assicurare un futuro più luminoso per la sua famiglia.

Nella dura battaglia di Abul Bajandar con la sindrome dell’uomo albero, trova forza nel costante sostegno di sua moglie e sua madre.

Nonostante il ritorno della condizione, la loro presenza incorruttibile gli offre conforto e motivazione. Riflettendo sull’impatto profondo della paternità, Bajandar condivide:

“Quando è nata mia figlia, mi ha portato la speranza di vivere di nuovo. Non volevo lasciarla orfana. Sentivo che dovevo vivere per lei”.

Un "uomo albero" si sottopone a 16 interventi chirurgici per poter abbracciare di nuovo sua figlia

Nonostante il ritorno della sua condizione, mantiene la speranza.

Nonostante il deludente ritorno della sua condizione, Abul Bajandar mantiene una speranza resiliente.

Tuttavia, nonostante questo contrattempo, Bajandar rimane ottimista, affermando: “Il mio unico sogno è riprendermi da questa situazione e vivere una vita sana”.

Un "uomo albero" si sottopone a 16 interventi chirurgici per poter abbracciare di nuovo sua figlia

Mantiene la convinzione che debba esistere una cura per la sua malattia.

Le sue parole sentite riflettono non solo le sue lotte, ma anche un’aspirazione universale alla buona salute e al benessere.

L’ottimismo persistente di Bajandar è evidente: “Posso solo dire che credo veramente e spero che esista una cura per questa malattia”.

Nonostante l’avversità, il suo spirito rimane saldo, rappresentando la resilienza di coloro che affrontano condizioni mediche rare e difficili.

Un’altra persona nata con una condizione rara ha sfidato le norme sociali ed è diventata un simbolo di notevole resilienza.

Permettici di presentarti la ragazza affettuosamente conosciuta come “Voldemort” perché è nata senza naso.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Un “uomo albero” si sottopone a 16 interventi chirurgici per poter abbracciare di nuovo sua figlia
Julia Roberts è sposata con suo marito da 20 anni: all’interno della loro relazione