Tutti sull’aereo girano gli occhi alla madre che urla con i gemelli, ma poi un atto di gentilezza di una sconosciuta trasforma tutto

Hai riconosciuto che avevo bisogno di te anche quando ero troppo spaventata per chiedere.

Non sapevo quando sarei tornata, ma stavo volando verso la mia città natale per salutare mio padre moribondo.

Questo era un viaggio solo andata per un periodo sconosciuto. Non sapevi che avevo lasciato due bambini piccoli (di 3 e 2 anni) a casa, mentre ero seduta con i miei gemelli di 7 mesi.

Non sapevi che stavo dicendo addio a un membro della mia famiglia lasciandone un altro. Ma anche mentre piangevamo tutti e tre, sei intervenuta.

Durante il volo, i miei gemelli hanno cominciato a piangere incontrollabilmente. Avevamo già fatto un lungo volo da Washington a Minneapolis.

Tutti sull'aereo girano gli occhi alla madre che urla con i gemelli, ma poi un atto di gentilezza di una sconosciuta trasforma tutto

Dopo l’escursione, eravamo tutti piuttosto stanchi.

I miei gemelli non la stavano passando bene perché la nostra rigorosa routine a casa era completamente andata in fumo in quel giorno particolare.

Ma a che scopo? Erano appena compiuti 7 mesi. A metà del volo, tutto è andato storto perché stavano assorbendo la mia energia frenetica.

Il mio debole tentativo di placare le loro urla è stato accolto con quello che ho pensato fosse tutto l’aereo che faceva girare gli occhi. Tutti avevano il diritto di essere irritati.

Nessuno di voi sapeva che uno dei miei gemelli urlava senza sosta tutti i giorni, per l’intera giornata. Era uno di quei neonati che non si sentiva mai a suo agio o soddisfatto.

Ero abituata a ignorare le sue urla, e sono sicura di aver fatto lo stesso quando tutto l’aereo era con noi.

Onestamente, tutto ciò che volevo fare era stare in corridoio e pregare le persone di venire ad aiutarmi se erano stanche di sentire piangere la gente.

Avevano entrambi bisogno di essere allattati, e sapevo che era una delle ragioni principali per cui impazzivano, ma non sapevo come farlo in mezzo a un aereo senza cuscini per sostenerli.

Avevo preparato delle bottiglie per loro in anticipo, dato che non ero nemmeno nella giusta disposizione mentale per cercare di risolvere le complicazioni.

Tutti sull'aereo girano gli occhi alla madre che urla con i gemelli, ma poi un atto di gentilezza di una sconosciuta trasforma tutto

Hai preso la bambina che stava rimbalzando sulle mie ginocchia e ti sei seduta nel posto vuoto accanto a me.

Ti ho offerto una bottiglia di latte già pronta, mentre tenevi mia figlia tra le braccia e le cantavi una ninnananna guardandola dritta negli occhi.

Quasi mi sono sentita in colpa per non essere in grado di fare lo stesso per i miei figli, ma ero grata per la tua gentilezza in quel momento.

Non mi hai mai fatto sentire inadeguata. Invece, nel mio momento più basso, hai mostrato il massimo livello di empatia che abbia mai conosciuto.

Come se fossi parte della sua famiglia a casa, le hai cullate e cantato, mostrandole l’amore di cui aveva bisogno in quel momento.

Potresti aver notato che ero in cattivo stato d’animo perché stavo facendo tutto da sola. Ero emotivamente e mentalmente esausta.

Con il senno di poi, non avrei dovuto occuparmi da sola di quei bambini, figuriamoci viaggiare attraverso il paese con loro.

Non potevo lasciare a casa i miei bambini allattati al seno in modo esclusivo perché non sapevo quanto sarei stata assente.

Tutti sull'aereo girano gli occhi alla madre che urla con i gemelli, ma poi un atto di gentilezza di una sconosciuta trasforma tutto

Sembrava una situazione senza via d’uscita per tutti noi, ma a volte devi fare ciò che devi fare.

L’unica cosa che potevo fare era salire sull’aereo con i miei due figli e sperare che i sospiri e gli sguardi storti non distruggessero la mia già bassa autostima.

Non sono sicura se abbiamo discusso della situazione in cui mi trovavo. È strano come le parole possano svanire dalla memoria ma l’impressione che qualcuno lascia su di te dura per sempre.

Forse un angelo ti ha parlato con una voce che faceva capire che dovevi intervenire. Forse il tuo istinto materno ha preso il sopravvento quando hai capito che i bambini piangenti… mi appartenevano.

Forse hai notato quanto stavo lottando e hai scelto di aiutare. Forse ti sei semplicemente immaginata nella mia posizione e hai fornito l’aiuto che avresti voluto.

O forse sei semplicemente una persona generosa che tende una mano quando ne sente il bisogno.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Tutti sull’aereo girano gli occhi alla madre che urla con i gemelli, ma poi un atto di gentilezza di una sconosciuta trasforma tutto
La reazione emozionante del pilota quando ha scoperto perché gli uccelli volavano accanto all’aereo