Una donna costretta a rinunciare alla sua bambina durante la Seconda Guerra Mondiale si riunisce con lei nel giorno del suo 98° compleanno

La guerra distrugge le famiglie, ed è davvero una cosa terribile.

Pensate a quante madri, padri, figlie, figli e altri membri della famiglia hanno dovuto dire addio per la propria sicurezza in qualsiasi guerra della storia.

Quando le circostanze rendono impossibile crescere un bambino, le mamme possono mettere i loro figli in adozione. Gerda Cole era una di queste madri.

A causa delle terribili circostanze della Seconda Guerra Mondiale, questa madre ebrea è stata costretta a dare in adozione sua figlia nel 1942.

La piccola bambina, che non aveva idea di chi fosse sua madre biologica, è stata adottata da una coppia tedesca che viveva in Inghilterra.

Gerda aveva solo 18 anni all’epoca. Essere una giovane madre è già abbastanza difficile, figuriamoci durante una guerra mondiale.

Una donna costretta a rinunciare alla sua bambina durante la Seconda Guerra Mondiale si riunisce con lei nel giorno del suo 98° compleanno

Sonya Grist, la piccola bambina, ha trascorso il resto della sua vita con i suoi genitori adottivi.

Avrebbero poi avuto Stephen Grist, che avrebbe svolto un ruolo importante nel resto della storia.

Di conseguenza, i nazisti hanno nuovamente sconvolto la vita di un’altra famiglia ebrea. Almeno questa volta erano entrambi al sicuro.

Una donna costretta a rinunciare alla sua bambina durante la Seconda Guerra Mondiale si riunisce con lei nel giorno del suo 98° compleanno

Stephen si sarebbe poi imbattuto nuovamente in Gerda accidentalmente 80 anni dopo.

Anche se non si trattava di una guerra mondiale, Brexit e il COVID avevano avuto un impatto sulla famiglia di Stephen.

Il prossimo episodio della storia si è svolto quando Stephen ha fatto domanda per la cittadinanza austriaca.

Chiunque potesse dimostrare che i loro parenti avevano lasciato l’Austria negli anni ’30 sarebbe stato premiato dal governo austriaco.

Una donna costretta a rinunciare alla sua bambina durante la Seconda Guerra Mondiale si riunisce con lei nel giorno del suo 98° compleanno

I nonni materni di Stephen (di cui Gerda faceva parte) erano cittadini austriaci all’epoca.

Non volendo perdere l’opportunità, Stephen ha iniziato a cercare su quante più piattaforme genealogiche possibili.

Lì, ha trovato alcune delle risposte che cercava, oltre a quelle che non si aspettava di trovare.

È diventato amico del figliastro di sua nonna e ha detto che stava facendo domanda per la cittadinanza austriaca e aveva bisogno del certificato di morte di Gerda per completare il processo.

A dire il vero, è rimasto sbalordito dalla risposta. Il narratore spiega: “Non troverete il certificato di morte di Gerda perché è ancora viva e vive in una casa di riposo in Canada.”

Dopotutto, non potevano semplicemente starsene lì con queste informazioni. La mamma di Sonya ce l’aveva fatta! E dovevano farle visita. Sono passati 80 anni, per amor di Dio!

Una donna costretta a rinunciare alla sua bambina durante la Seconda Guerra Mondiale si riunisce con lei nel giorno del suo 98° compleanno

Sonya ha commentato la storia trasmessa dalla CBC:

“Voglio volare in Canada subito e darle un grande abbraccio.” “Non so ancora molto e ho un milione di domande per lei”, ha detto Sonya.

“Il fatto che sua madre fosse ancora viva e che avrebbe avuto l’opportunità di incontrarla ci ha tutti sorpresi”, ha continuato Stephen.

Il ricongiungimento è avvenuto il giorno del suo compleanno. L’evento funse da festa di compleanno e da incontro. È stato un momento cruciale sia per la madre che per la figlia.

Una donna costretta a rinunciare alla sua bambina durante la Seconda Guerra Mondiale si riunisce con lei nel giorno del suo 98° compleanno

“La mia istruzione personale era molto limitata, e questo, unito al fatto che ero nel bel mezzo di un conflitto,

mi ha lasciato poche scelte se non quella di far adottare mia figlia Sonya su consiglio del comitato dei rifugiati”, ha letto da un pezzo di carta Gerda.

Una donna costretta a rinunciare alla sua bambina durante la Seconda Guerra Mondiale si riunisce con lei nel giorno del suo 98° compleanno

Tuttavia, è stato grazie al suo nipote che ha potuto rivedere la figlia che non ha mai avuto l’opportunità di crescere.

E hanno potuto godersi i loro primi ricordi e sorrisi insieme. Gerda ha 98 anni ora, ma meglio tardi che mai, vero?

Il loro primo giorno insieme come madre e figlia ha rivelato che avevano una passione per la musica. Sonya faceva persino parte di una steel band quando era più giovane, anche se sostiene di non essere stata molto brava.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Una donna costretta a rinunciare alla sua bambina durante la Seconda Guerra Mondiale si riunisce con lei nel giorno del suo 98° compleanno
Una donna sposa un uomo virtuale alimentato da intelligenza artificiale e afferma di essere INCINTA di lui