I medici ci hanno detto di non avere figli a causa del nostro nanismo, ma abbiamo deciso di rischiare

Il nanismo, una rara condizione che colpisce approssimativamente 1 individuo su 15.000-40.000, porta spesso a discriminazioni e indifferenza della società.

Tuttavia, un numero crescente di persone con nanismo sta condividendo coraggiosamente le proprie esperienze di vita, con l’obiettivo di sfidare e ridurre i pregiudizi sociali diretti verso questa condizione.

I medici ci hanno detto di non avere figli a causa del nostro nanismo, ma abbiamo deciso di rischiare

Si sono sposati nel 2012. Coppia di persone con nanismo in abiti eleganti. La donna è incinta.

Charli, una donna australiana diagnosticata con l’accondroplasia, la forma più comune di nanismo, ha sposato Cullen nel 2012, affetto da displasia acromica, una condizione che influisce sulla sua crescita fisica.

I medici ci hanno detto di non avere figli a causa del nostro nanismo, ma abbiamo deciso di rischiare

La loro aspirazione di formare una famiglia insieme era presente fin dall’inizio.

Tuttavia, erano preoccupati per le sfide potenziali durante il parto e la possibilità di trasmettere le loro condizioni fisiche ai loro figli, che li ha riempiti di dubbi e paure per diversi anni.

Nonostante queste preoccupazioni, nel 2015 Charli è rimasta incinta per la prima volta.

I medici hanno informato la famiglia che c’era il 25% di possibilità di avere un bambino di altezza normale e la stessa probabilità che un bambino non sopravvivesse.

Charli ha spiegato che se avessero deciso di avere figli, c’era la possibilità che i bambini ereditassero entrambe le forme di nanismo, che spesso portano a esiti fatali.

Tuttavia, durante le fasi iniziali della gravidanza, la coppia si è sottoposta a test genetici per evitare che ciò accadesse.

I medici ci hanno detto di non avere figli a causa del nostro nanismo, ma abbiamo deciso di rischiare

“Ho ricevuto critiche per aver scelto di avere bambini con queste probabilità”, ha condiviso Charli.

La notizia è stata incoraggiante. Baby Tilba, simile alla madre e al fratello di Charli (mentre il padre aveva un’altezza media), è stata diagnosticata anch’essa con accondroplasia.

Gli esperti medici hanno avvertito che avrebbe potuto avere complicazioni spinali, ma nel complesso ci si aspettava che conducesse una vita sana.

La loro storia ha attirato l’attenzione su Internet. Donna con nanismo in bikini marrone che mostra il pancione.

Dopo la nascita di Tilba, la famiglia ha aperto un account Instagram per combattere i pregiudizi sul nanismo, raccontando il loro percorso – evidenziando sia i successi che gli ostacoli.

I medici ci hanno detto di non avere figli a causa del nostro nanismo, ma abbiamo deciso di rischiare

“Ricordo che quando Tilba è nata, tutto ciò che volevo era superare quelle prime settimane da neonato”, ha ammesso Charli.

Nonostante alcuni commenti negativi online, la coppia persiste nel condividere scatti giornalieri dei loro momenti felici, affermando con decisione di non lasciare che il loro nanismo ostacoli le loro vite.

Che si tratti di foto di gite in spiaggia, pranzi soleggiati, routine di esercizi, passeggiate o aggiornamenti sullo sviluppo di Tilba, queste immagini li ritraggono come una famiglia comune, simile a qualsiasi altra.

La famiglia ha dato il benvenuto ad altri bambini nella loro vita. Due ragazze in ospedale accanto a un neonato appena nato.

Nel 2018, Charli ha scoperto di aspettare un altro bambino, e il secondo bambino ha ereditato la condizione dal padre.

Successivamente, nel 2020, Charli è rimasta incinta per la terza volta. Con immensa gioia della coppia, il neonato non ha ereditato le caratteristiche distintive dei genitori ed è nato con un’altezza “media”.

Il loro percorso è stato un’altalena emotiva. Durante la sua terza gravidanza, esprimeva apertamente il desiderio che il processo finisse. Ha raccontato di affrontare disagi, nausea e svenimenti.

I medici ci hanno detto di non avere figli a causa del nostro nanismo, ma abbiamo deciso di rischiare

In ogni gravidanza, Charli ha dovuto sottoporsi a dolorosi test genetici.

Una procedura ha coinvolto un “ago massiccio attraverso il mio addome per prelevare un campione di placenta che comporta un tasso di aborto del 2%”.

Attualmente, stanno abbracciando la vita al massimo.  Ora, con la loro famiglia completa, stanno godendo appieno della vita.

Nonostante vivano con il nanismo, Charli e la sua famiglia traboccano di gioia e felicità. Continuamente, Charli condivide momenti preziosi sul suo account Instagram.

I medici ci hanno detto di non avere figli a causa del nostro nanismo, ma abbiamo deciso di rischiare

Tra le loro foto allegre, Charli ama condividere situazioni umoristiche che mettono in evidenza le differenze di altezza,

come strani vestiti oversize o le occasionali sfide incontrate nelle attività quotidiane, sottolineando il suo approccio spensierato alla sua statura.

Nonostante incontri occasionali commenti negativi, Charli ha imparato a superarli, riconoscendo che la maggior parte delle persone visita il loro account per esprimere calore e ammirazione.

Ha notato un aumento significativo dei loro follower nell’ultimo anno, indicando un crescente interesse nel loro percorso.

In un mondo in cui le sfide affrontate dalle persone con nanismo sono spesso trascurate, l’incredibile viaggio di Charli e della sua famiglia è una testimonianza di resilienza, amore e dell’importanza di condividere la propria storia.

La loro ferma decisione di vivere una vita ricca e significativa, nonostante gli ostacoli che affrontano, risuona profondamente nella loro crescente comunità di sostenitori.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

I medici ci hanno detto di non avere figli a causa del nostro nanismo, ma abbiamo deciso di rischiare
La rivelazione del sesso del fratellone è andata storta, e ora tutti stanno ridendo