La madre ha trascorso quasi ogni notte in ospedale dopo aver appreso che sua figlia unica aveva una forma grave di linfoma a cellule T

Secondo Skiles, lei e suo marito Jonathan hanno incontrato centinaia di infermiere durante la riabilitazione di Sophie.

La bambina ha affrontato 15 cicli di chemioterapia, che hanno contribuito a limitare la diffusione del cancro.

Attualmente sta aspettando un trapianto di cellule staminali. Sophie, d’altra parte, non poteva muoversi, comunicare o nutrirsi da sola a causa della rigorosa chemioterapia.

La madre ha trascorso quasi ogni notte in ospedale dopo aver appreso che sua figlia unica aveva una forma grave di linfoma a cellule T

Skiles ha raccontato la notte in cui ha iniziato a scrivere questo mese:

“Era tipo le 3 del mattino e stavo sdraiata su quel terribile divano nella stanza dell’ospedale e non riuscivo a dormire.

Ho semplicemente iniziato a documentare il lavoro delle infermiere”, e ha continuato così. L’elenco includeva più di semplici controlli di routine.

Skiles ha ringraziato le infermiere sulla pagina Facebook “Sophie the Brave” che lei e la sua famiglia hanno creato per Sophie.

Ha detto: “Vi ho visto portare bracciate di medicine e forniture in una stanza per bambini, mentre il telefono squillava nella vostra tasca da un’altra stanza di un altro bambino.”

“Vi vedo indossare guanti e mascherine e cercare di non fare troppo rumore di notte.” “Vi vedo accarezzare la sua piccola testa calva e avvolgerla nelle coperte.”

La madre ha trascorso quasi ogni notte in ospedale dopo aver appreso che sua figlia unica aveva una forma grave di linfoma a cellule T

L’articolo è stato condiviso da oltre 25.000 persone.

Skiles ha ragionato che poiché la pagina di Sophie ha un gran numero di follower,

“lo pubblicherò e sensibilizzerò su cosa succede in un ospedale pediatrico e su cosa fanno le infermiere, specialmente quando si occupano di bambini malati.”

Anche le infermiere di Sophie presso il Children’s Medical Center di Dallas sono state informate del messaggio.

Susan McCollom, responsabile della clinica, che ha partecipato alle cure di Sophie, ha detto: “Sono davvero grata che l’abbia fatto.”

La madre ha trascorso quasi ogni notte in ospedale dopo aver appreso che sua figlia unica aveva una forma grave di linfoma a cellule T

“Il nostro lavoro è estremamente impegnativo dal punto di vista emotivo, fisico e cerebrale, e in qualche modo ha centrato

il motivo per cui lo facciamo e che quello che facciamo non è solo un lavoro”, ha detto un membro del personale.

“Sono davvero orgogliosa della mia squadra, ma non sono sorpresa, ha detto, perché so cosa fanno ogni giorno.”

Sophie probabilmente rimarrà presso l’ospedale di Dallas fino alla fine di gennaio prima di essere trasferita in una residenza vicina.

Sophie dovrà continuare la terapia dopo il trapianto di cellule staminali, oltre a essere vicina all’ospedale per i controlli.

Skiles ha detto delle infermiere che ha incontrato finora: “È incredibile vedere le persone mettere in pausa le proprie vite

e prendersi totalmente cura dei bambini che ne hanno veramente, veramente bisogno.” “Si prendono cura anche dei genitori.”

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

La madre ha trascorso quasi ogni notte in ospedale dopo aver appreso che sua figlia unica aveva una forma grave di linfoma a cellule T
La bambina di 3 anni s’incrocia col raccoglitore di rifiuti: ecco come la loro “storia d’amore” evolve giorno dopo giorno