Le hanno detto che non sarebbe mai stata di successo nello sport, ma ora lei incoraggia molte persone con la sindrome di Down

Chelsea Werner, una ex ginnasta diventata modella,

sta eliminando gli stereotipi sulle persone con abilità diverse perseguendo i suoi sogni e diventando popolare.

Chelsea è nata con la sindrome di Down, una comune malattia genetica che causa disabilità intellettive e cognitive.

I medici hanno consigliato ai genitori di Chelsea, Ray e Lisa Werner, che avrebbe avuto scarsa tonicità muscolare e avrebbe avuto difficoltà con qualsiasi attività fisica.

Le hanno detto che non sarebbe mai stata di successo nello sport, ma ora lei incoraggia molte persone con la sindrome di Down

Dopo un tentativo fallito nel calcio, la famiglia si è rivolta alla ginnastica per aiutare Chelsea a migliorare i suoi muscoli.

Lisa afferma: “All’inizio, non avevamo aspettative. Quando riflettiamo sui suoi primi anni, in realtà non ha mostrato così tanto talento,

ma dopo aver iniziato a lavorare con un allenatore, è stata trattata come tutte le altre ginnaste e ha dedicato le ore necessarie.

Ad ogni passo, siamo rimasti stupiti nel vederla migliorare così rapidamente. Semplicemente non avevamo idea che avrebbe perseguito la ginnastica a questo livello”.

Le hanno detto che non sarebbe mai stata di successo nello sport, ma ora lei incoraggia molte persone con la sindrome di Down

Il talento iniziale di Chelsea, secondo l’allenatrice di ginnastica Dawn Pombo, era insufficiente.

Nonostante le sue limitazioni fisiche, lottava per camminare avanti e indietro sulla trave di equilibrio con grande gioia. Inizialmente, la forza era difficile.

Semplicemente, i suoi muscoli non erano tonici. Dawn ha spinto Chelsea a superare la sua zona di comfort perché lei era una studentessa desiderosa.

Le hanno detto che non sarebbe mai stata di successo nello sport, ma ora lei incoraggia molte persone con la sindrome di Down

Presto, faceva capriole all’indietro e migliorava sul pavimento e sulla trave di equilibrio.

Chelsea ha affrontato una nuova sfida quando il Comitato delle Olimpiadi Speciali della California settentrionale ha cancellato il programma di ginnastica nel 2006.

Le spese di allenamento e viaggio di Chelsea dovevano essere gestite in qualche modo dalla famiglia. Senza scomporsi, Ray ha fondato Chelsea’s Quest,

un’organizzazione umanitaria che ha aiutato a raccogliere fondi e ha permesso a Chelsea di gareggiare negli eventi delle Olimpiadi Speciali come parte di una squadra di una sola persona.

Per tre anni consecutivi, Chelsea arrivava sempre ultima, ma per lei non importava. È a questo punto che ha compreso cosa significava il punteggio più basso.

È iniziato un nuovo processo per insegnarle che se era quello che voleva, doveva lavorare più duramente.

Chelsea, come qualsiasi altra ginnasta, ha iniziato ad allenarsi diligentemente e presto i suoi sforzi hanno dato i loro frutti.

Ha vinto i Campionati Mondiali della Fondazione Internazionale per la Sindrome di Down e altri titoli nazionali.

È apparsa anche come ospite speciale alle finali di ginnastica femminile della National Collegiate Athletic Association (NCAA).

Dopo aver faticato a mantenere l’equilibrio sulla trave, la ragazza ha raggiunto un livello che molti pensavano fosse irraggiungibile.

Le hanno detto che non sarebbe mai stata di successo nello sport, ma ora lei incoraggia molte persone con la sindrome di Down

Ora Chelsea sta portando quella fiducia e perseveranza nell’industria della moda.

Inizialmente è stata rifiutata da alcune agenzie di moda, ma non si è arresa. We Speak ha alla fine scoperto Chelsea sui social media e l’ha contattata.

We Speak promuove l’accettazione del corpo e la diversità selezionando modelli attraenti, sani, con atteggiamenti positivi e caratteristiche distintive provenienti da ogni ambito della vita.

Continua a pionierizzare il cammino per le persone di tutte le abilità e origini nell’industria della moda, lavorando insieme ad altri modelli con sindrome di Down per promuovere l’inclusione.

Le hanno detto che non sarebbe mai stata di successo nello sport, ma ora lei incoraggia molte persone con la sindrome di Down

Quando le persone la vedono competere in ginnastica o fare la modella, può incoraggiarle a credere nelle proprie capacità.

Ha partecipato a campagne pubblicitarie per aziende come H&M, Adidas e Tommy Hilfiger ed è apparsa alla New York Fashion Week.

Chelsea è il paradigma dello sport e dello stile che infrange le regole e ci dimostra che tutto è possibile se ci metti tutto il cuore e l’anima.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Le hanno detto che non sarebbe mai stata di successo nello sport, ma ora lei incoraggia molte persone con la sindrome di Down
Una bambina è nata con una rara malattia che provoca macchie scure su tutta la pelle