Una runner fa storia come una delle prime donne con la sindrome di Down a completare la maratona di New York di 10 ore

Lo scorso weekend si è verificato un momento storico quando Kayleigh Williamson, di 33 anni,

è diventata una delle prime donne con la sindrome di Down a completare con successo la maratona di New York City.

Sua madre Sandy Williamson, che ha corso al fianco di sua figlia, ha condiviso che il viaggio di 10 ore è stato pieno di danze, abbracci calorosi e innumerevoli cinque in alto.

Una runner fa storia come una delle prime donne con la sindrome di Down a completare la maratona di New York di 10 ore

Non è la sua prima maratona. Kayleigh non è nuova al mondo della corsa.

Ha già completato la maratona di Boston, 21 miglia della maratona di Austin e ben 20 mezze maratone impressionanti.

Il percorso di Kayleigh nella corsa è iniziato nel 2017 quando sua madre è stata diagnosticata con l’Alzheimer.

“Ho implementato alcune scelte di stile di vita salutari”, ha spiegato Sandy, “Kayleigh voleva fare alcune gare con me”.

Una runner fa storia come una delle prime donne con la sindrome di Down a completare la maratona di New York di 10 ore

Da allora, Sandy dice che sua figlia ha sviluppato un profondo amore per la corsa.

Kayleigh e Sandy hanno piani futuri, tra cui un Turkey Trot il giorno del Ringraziamento e mezze maratone a dicembre, gennaio e febbraio.

Kayleigh riassume il suo amore per la corsa dicendo: “Mi piace correre perché mi fa sentire felice”. Kayleigh ha partecipato alla maratona per onorare sua nonna, scomparsa purtroppo nel 2021.

Il suo percorso ha una profonda importanza perché le ha permesso di realizzare un sogno caro della sua defunta nonna.

Sua nonna parlava spesso di portarla a New York City per vedere le luci delle vacanze, e questa maratona è stata la prima volta di Kayleigh nello stato.

Per onorare sua nonna e sensibilizzare sull’Alzheimer, Kayleigh indossava una maglietta che diceva: “Corro in memoria di mia nonna, le memorie contano, sensibilizzazione sull’Alzheimer”.

Una runner fa storia come una delle prime donne con la sindrome di Down a completare la maratona di New York di 10 ore

La mamma di Kayleigh è infinitamente orgogliosa di lei.

Riflettendo sull’esperienza di sua figlia alla maratona di New York City, Sandy, 56 anni, ha dichiarato:

“New York ha cambiato il modo in cui ho visto mia figlia. Ogni volta che sentiva musica si fermava per ballare. È stata molto emozionale per lei alla fine, gli ultimi due miglia”.

Una runner fa storia come una delle prime donne con la sindrome di Down a completare la maratona di New York di 10 ore

Ha aggiunto ulteriormente:

“Ma poi qualcuno ha acceso la musica sul telefono e lei avrebbe ballato un po’.

Poi avrebbe pianto. I suoi muscoli erano doloranti e la stavano infastidendo. Cose del genere. Ma Kaylee non si è fermata. Non voleva arrendersi”.

Un’altra persona che senza dubbio ha fatto storia è Madeline Stuart, una supermodella con la sindrome di Down e autismo.

Il suo percorso è stato pieno di numerose sfide ed è emersa come un modello ispiratore per innumerevoli persone.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Una runner fa storia come una delle prime donne con la sindrome di Down a completare la maratona di New York di 10 ore
L’eroe della vita reale: questo ragazzo è rimasto con ustioni di terzo grado dopo essere entrato in un edificio in fiamme