Questo bambino grande quanto un iPhone sta trascorrendo il suo primo Natale a casa: guarda come è cambiato

Un piccolo bambino nato 14 settimane in anticipo ha sfidato ogni previsione trascorrendo il suo primo Natale a casa con i suoi genitori.

Myles McKenna pesava 1 libbra e 8 once, circa quanto un iPhone. I medici temevano il peggio e dubitavano della sua sopravvivenza.

Questo bambino grande quanto un iPhone sta trascorrendo il suo primo Natale a casa: guarda come è cambiato

Di conseguenza, è stato messo su un ventilatore in ospedale per circa 15 settimane.

“Io e mia moglie temevamo che nostro figlio non sarebbe sopravvissuto perché anche i medici erano scettici,” hanno spiegato i genitori.

Ma alla fine, le preghiere hanno portato un miracolo molto gradito, e Myles McKenna sta ora celebrando il suo primo Natale a casa.

Questo bambino grande quanto un iPhone sta trascorrendo il suo primo Natale a casa: guarda come è cambiato

Myles è stato consegnato a 26 settimane, circa 14 settimane prima della sua data prevista di nascita.

Inoltre, sua madre, Rebecca Grainger, di Glasgow, è stata portata in ospedale per un cesareo d’urgenza dopo essere stata diagnosticata con la pre-eclampsia.

Di conseguenza, i medici sono stati costretti a mettere il giovane Myles su un ventilatore perché non poteva respirare da solo.

Questo bambino grande quanto un iPhone sta trascorrendo il suo primo Natale a casa: guarda come è cambiato

Ha lottato per la sua vita per 15 settimane prima di ricevere il via libera per tornare a casa.

Dopo il parto, la madre ha descritto come sia stata in grado di vedere, figuriamoci tenere in braccio, suo figlio.

Tuttavia, il padre ha potuto dare un breve sguardo e una breve coccola prima di essere portato nell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale e messo su un ventilatore.

Questo bambino grande quanto un iPhone sta trascorrendo il suo primo Natale a casa: guarda come è cambiato

Poiché i genitori erano ammessi solo all’interno dell’unità di terapia intensiva a causa delle rigide normative legate al COVID,

e al marito di Rebecca era consentito solo un breve incontro, la situazione è diventata estremamente stressante.

Allo stesso modo, la coppia ha espresso la loro paura di contrarre il COVID perché avrebbero dovuto isolarsi per almeno 10 giorni se l’avessero fatto.

L’idea di essere separati dal loro bambino era insopportabile per loro. Ma alla fine, tutto è andato bene e ora la coppia è felice e grata di stare bene insieme come una famiglia.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Questo bambino grande quanto un iPhone sta trascorrendo il suo primo Natale a casa: guarda come è cambiato
Un bambino di 2 anni con un accento del sud racconta una storia sulla mucca: ma che dolce