Due amiche d’infanzia separate mentre fuggivano dai nazisti si riuniscono dopo 82 anni: guarda come appaiono ora

Betty Grebenschikoff pensava che la sua amica più cara d’infanzia dalla Germania fosse morta per quasi otto decenni.

L’ultima volta che aveva visto Ana Maria Wahrenberg era nel 1939, quando entrambe avevano nove anni.

Prima che le loro famiglie fossero costrette a fuggire dall’Olocausto durante la Seconda Guerra Mondiale,  le ragazze si sono scambiate un commovente abbraccio in un cortile scolastico di Berlino.

Grebenschikoff e Wahrenberg pensavano che fosse il loro ultimo incontro, ma il 5 novembre, dopo 82 anni di separazione, si sono viste di persona per la prima volta.

Due amiche d'infanzia separate mentre fuggivano dai nazisti si riuniscono dopo 82 anni: guarda come appaiono ora

Entrambe le donne hanno raggiunto l’età di 91 anni!

“È stato molto emozionante”, ha detto Wahrenberg, ripetendo i suoi sentimenti. “Sembra che non ci siamo mai separate”.

Per anni, le sopravvissute all’Olocausto hanno cercato nei database e cercato informazioni da chiunque potesse sapere qualcosa sulla posizione dell’altra.

Due amiche d'infanzia separate mentre fuggivano dai nazisti si riuniscono dopo 82 anni: guarda come appaiono ora

Non hanno avuto successo perché entrambe avevano cambiato i loro nomi in seguito nella vita.

“Ora il suo nome è Ana Maria”. “Lei si ricorda di me come Ilse Kohn, il mio nome precedente”, ha aggiunto Grebenschikoff, che ora vive in Florida.

Fortunatamente, la USC Shoah Foundation, un’organizzazione no-profit che crea e conserva i ricordi audiovisivi dei sopravvissuti all’Olocausto, ha trovato paralleli tra le storie di Grebenschikoff e Wahrenberg.

Due amiche d'infanzia separate mentre fuggivano dai nazisti si riuniscono dopo 82 anni: guarda come appaiono ora

Questa scoperta ha innescato la loro attesa riunione.

Grebenschikoff, una delle 20.000 ebree europee che si sono stabiliti a Shanghai, alla fine ha scoperto cosa era successo alla sua amica d’infanzia.

Ehrenberg e la sua famiglia sono fuggite a Santiago, in Cile, nel novembre del 1939, dove risiede ancora oggi.

Lo scorso novembre, la Shoah Foundation, il Florida Holocaust Museum e il Museo Ebraico Interattivo del Cile hanno organizzato la loro riunione virtuale tramite Zoom.

Le due donne hanno conversato in tedesco e presentarono le loro famiglie l’una all’altra. Hanno detto anche che si sarebbero incontrate di persona.

Due amiche d'infanzia separate mentre fuggivano dai nazisti si riuniscono dopo 82 anni: guarda come appaiono ora

Hanno mantenuto la promessa un anno dopo.

“Abbiamo avuto questa sensazione, come se appartenessimo veramente insieme”, hanno detto, abbracciandosi per la prima volta in quasi otto decenni.

Avevano pianificato di incontrarsi in Florida a settembre per Rosh Hashanah, il Capodanno ebraico. Tuttavia, l’epidemia le ha costrette a rinviare la loro riunione di persona.

A novembre, Wahrenberg si sentiva più a suo agio a viaggiare e ha prenotato un volo con suo figlio e sua nuora.

Grebenschikoff ha accolto Wahrenberg nella sua stanza d’albergo, dicendo che era “come se ci fossimo viste ieri” e “così confortante”.

“È stato davvero speciale che due persone potessero ancora amarsi dopo 82 anni”, ha continuato Wahrenberg.

Le migliori amiche, entrambe vedove, sono state inseparabili per quattro giorni. Hanno fatto shopping insieme, condiviso pasti e parlato per ore.

“Non siamo più le ragazzine che eravamo a 9 anni, questo è certo, ma continuavamo a ridere come bambine”, ha ricordato Grebenschikoff.

Due amiche d'infanzia separate mentre fuggivano dai nazisti si riuniscono dopo 82 anni: guarda come appaiono ora

“È stato un tale piacere per entrambe noi”. La loro riunione sarebbe stata incompleta senza regali, naturalmente.

Wahrenberg ha regalato a Grebenschikoff una bambola Barbie vestita con un costume cileno, oltre a un’immagine incorniciata di sé stessa e alcuni gioielli.

Grebenschikoff, d’altra parte, ha regalato a Wahrenberg una piccola scultura a forma di cuore, della quale ha acquistato una copia anche per sé in modo che avessero entrambe la stessa identica cosa.

“È qualcosa per farle ricordare me e qualcosa per farmi ricordare lei”, ha spiegato Grebenschikoff. Conserva la bambola e le foto nella sua camera da letto.

Il ricordo preferito di Grebenschikoff del loro tempo insieme era semplice: “essere vicine l’una all’altra e tenersi per mano mentre camminavamo”.

Durante il pranzo, l’attività preferita di Wahrenberg era ripercorrere i vecchi tempi e presentare le loro famiglie l’una all’altra.

Due amiche d'infanzia separate mentre fuggivano dai nazisti si riuniscono dopo 82 anni: guarda come appaiono ora

Anche il figlio di Wahrenberg e la figlia di Grebenschikoff sono ora amici.

Per l’ultimo anno, le due donne hanno avuto un appuntamento telefonico ogni domenica, durante il quale si rilassano sui rispettivi patio e condividono il caffè del mattino.

Grebenschikoff ha intenzione di visitare Wahrenberg a Santiago in futuro. Riflettendo sul loro percorso, ha detto che la loro storia dimostra che “dalle brutte esperienze possono nascere cose buone”.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Due amiche d’infanzia separate mentre fuggivano dai nazisti si riuniscono dopo 82 anni: guarda come appaiono ora
Iniezione di cemento al posto di prodotti di bellezza: ecco come questa donna sembrava dopo il trattamento