Ad eccezione di uno, il bambino ha invitato tutti i suoi compagni di classe alla sua festa di compleanno

Jennifer Angele attualmente risiede in Canada. I

l suo piccolo ragazzo, Sawyer, ha recentemente vissuto una grande tragedia: è stato l’unico in classe a non essere stato invitato alla festa di compleanno di un compagno di classe.

Tutti abbiamo sperimentato cosa significhi per un bambino essere emarginato dai propri coetanei. Jennifer ha scelto di lottare per suo figlio.

Ha pubblicato un messaggio aperto ai genitori del bambino che compiva gli anni sulla sua pagina Facebook. Forse la mamma era emozionata? Forse.

Ad eccezione di uno, il bambino ha invitato tutti i suoi compagni di classe alla sua festa di compleanno

Tuttavia, la questione è resa ancora più complicata dal fatto che Sawyer sia nato con la sindrome di Down,

e sua madre è costantemente costretta a osservare come le persone cerchino di allontanare suo figlio dalla vita.

“Comprendo pienamente che non si tratta di un errore, ma di una decisione deliberata da parte vostra”, ha detto Jennifer nella sua lettera.

I genitori avevano invitato tutta la classe (22 persone) alla festa. E solo Sawyer è stato lasciato senza invito, come tutti hanno rapidamente scoperto.

Secondo la madre, suo figlio non aveva problemi con i suoi coetanei. È un ragazzo molto gentile che vuole fare amicizia con tutti.

Ad eccezione di uno, il bambino ha invitato tutti i suoi compagni di classe alla sua festa di compleanno

Pertanto, Jennifer è convinta che il bambino non sia stato invitato alla festa solo perché è diverso dagli altri.

La donna sa bene che molte persone si sentono a disagio intorno a suo figlio e non sanno come comportarsi.

“So che se conosceste un po’ meglio le persone con la sindrome di Down, non prendereste una decisione del genere”, ha scritto.

Nella sua lettera, la mamma ricorda come inizialmente abbia lottato perché nessuno poteva spiegarle come crescere suo figlio.

Sentiva solo preconcetti da parte di tutti intorno a lei, certi che il ragazzo non sarebbe mai stato “normale”, e temeva profondamente che suo figlio non sarebbe stato in grado di comunicare con i compagni di classe.

Ma quando ha visto quanto facilmente Sawyer trovava un linguaggio comune con suo fratello e sua sorella, tutte le sue ansie sono svanite.

Nella sua lettera, ha cercato di chiarire che suo figlio non è diverso dagli altri bambini, anche se a volte mostra comportamenti diversi:

“Le persone con la sindrome di Down vedono le cose allo stesso modo in cui le vediamo noi. Desiderano fare nuove amicizie e interagire.

Desiderano essere utili, fare qualcosa nella vita. Desiderano partecipare alle feste di compleanno dei compagni di classe.”

Ad eccezione di uno, il bambino ha invitato tutti i suoi compagni di classe alla sua festa di compleanno

Jennifer ha chiesto ai genitori di un compagno di classe di parlare con il loro figlio:

“Ogni genitore vuole che suo figlio sia amico dei coetanei, non un emarginato.

E per questo dobbiamo dare il buon esempio ai nostri figli, instillando in loro il desiderio di prendere la decisione giusta.”

La donna crede che se i ragazzi si conoscessero meglio, potrebbero diventare amici. Sawyer è stato raramente invitato a feste di compleanno in passato.

Ad eccezione di uno, il bambino ha invitato tutti i suoi compagni di classe alla sua festa di compleanno

E sua madre ha cominciato a sospettare di essere responsabile.

Poiché il bambino frequenta una classe normale e non richiede cure speciali, sua madre non ha mai chiesto agli insegnanti o ai genitori dei compagni di classe di trattare suo figlio in modo diverso.

“So che prima di mandare i loro figli a scuola, i genitori dei bambini con la sindrome di Down partecipano spesso a riunioni con i genitori per parlare del loro bambino.”

Tuttavia, lei non lo ha fatto.

Per lei, Sawyer è sempre stato solo un bambino normale, e sembrava che gli altri già sapessero abbastanza sulla sindrome di Down da non aver bisogno di lezioni.

Ma si è sbagliata. Ora si sente come se avesse fallito suo figlio. Jennifer si rammarica di non aver parlato prima con i genitori dei suoi amici.

Ad eccezione di uno, il bambino ha invitato tutti i suoi compagni di classe alla sua festa di compleanno

Forse non avrebbe dovuto difendere suo figlio in pubblico. Certamente non ha nominato nessuno nella sua lettera.

Tuttavia, le conoscenze potrebbero facilmente capire a chi fosse destinata questa comunicazione. Centinaia di migliaia di persone hanno letto e condiviso questa lettera.

Jennifer ha successivamente dichiarato che i genitori di un compagno di classe hanno risposto immediatamente al suo appello e hanno parlato con il loro bambino.

Di conseguenza, Sawyer ha ricevuto un invito speciale a una festa di compleanno che lo ha immediatamente reso il ragazzo più felice del mondo.

Ad eccezione di uno, il bambino ha invitato tutti i suoi compagni di classe alla sua festa di compleanno

“Non riesce a smettere di parlarne”, ha scritto la mamma.

Sawyer Angele è lontano dall’essere l’unico bambino che ha dimostrato che i bambini con la sindrome di Down possono frequentare una scuola normale senza problemi.

L’atto di Jennifer Angele sembrerà a molti qualcosa di sgradevole: la donna sembrava aver violato un tabù non scritto, evidenziando pubblicamente il trattamento ingiusto riservato a suo figlio.

Non ha avuto paura di rompere il silenzio, di parlare di qualcosa di sgradevole, sapendo bene che questo silenzio, come un muro insormontabile, trasforma migliaia di persone in tutto il mondo in emarginati.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Ad eccezione di uno, il bambino ha invitato tutti i suoi compagni di classe alla sua festa di compleanno
Come vive attualmente l’otteneenne che è nata senza un naso: i suoi genitori hanno preso una decisione